Interview with Julia A.Smolenkova

Russian artist and gallerist, Julia A. Smolenkova was born in 1986 in a family of artists. Graduated in Art, she manages three studios in Moscow, Brussels and Paris. She received awards from the Russian Art’s Academy, she won more Art International Competitions and today she works as an Associate Professor at the Monumental and Decorative Sculpture’s Department at the Art and Industry’s Academy in Moscow. She has displayed her works and organized other artist’ exhibitions in several countries, like Germany, Austria and the US. You can find a list of her major exhibitions in the last few years on the website www.julia-smolenkova.com

Who is Julia Smolenkova?

“I am a lucky artist, and for this gift I thank fate. Art should bring optimism and joy the people, keep them interested and give them feelings of joy. There’s so much horror, fear and pain in the world, that art should be inspiring and emotional in every possible way. And that’s what I try to do with my work”.

Moscow, Brussels and Paris. How important is the influence of the cities you’ve lived in for the realization of you work?

“I paint in all the places that make me feel good and I create my works with positive emotions. I really like my studio in Moscow, but also the other two. They are completely different as are the pieces I create in them. It’s like the city is painting with me.

12899556_10209053743410137_2030666855_o

Moscow is dynamic, with contrasting colors and materials, it never stop and never sleeps, it’s a storm of emotions, movements, all day and all night. Paris is brightness, airiness and light, like in no other place. Paris has a warm tone and an inimitable golden light. I like my study in Brussels for its view opens on the Grand Place and my works here are more serious than the ones I create in Paris. It’s probably because of the lifestyle in Belgium, which is a lot more relaxed, and lets me stop and think a bit more, so I can work on the paintings with more calm and time.

Every city I work in is reflected in my art so I’m not always excited to sell my paintings, because it’s like selling a part of myself, a part of my soul. I’m glad that people like my works and that they hang them on the walls of their houses, but each painting is a fragment of my story. In one of them, for example, you can see an abstract image, a still life, a theatrical costume, a girl’s portrait, the fanning of the wings, the clouds light, the reflections of the architecture’s lights and shadows. The same painting reminds me of the place where I created it, the people that were around me, the feelings I felt and the moments I lived there.

The viewer can’t feel the race on Sunday in Paris when I was in search of a fine arts store to buy the colors that I didn’t have with me. That evening was the opening night of my exhibition and the city inspired me some missing paintings to create. I created them quickly, lightly, emotionally and with spontaneity, just in time before the opening. These are the kind of paintings I prefer, because they mean something so important to me.

Art has always been crucial in your family. Have you always wanted to do this in your life?

“Yes, I have”.

If you had to choose one exposition for each city, which ones would you prefer?

“I would probably choose the works I haven’t created yet in each city”. (Laugh)

“Of course, I spent most of my time in Moscow, where the studio is equipped for painting, sculpture and mosaics. Creating a mosaic is a long process and now I can only do it in this study. But an important exhibition of my mosaics will open in Brussels soon. I love the famous blue stone used to build the old city, so I want to bring my mosaics in this city. I think it will be very beautiful, there will be the works of my past eight years, it will be really interesting event and I invite everyone to visit the exhibition. All information is on my WebSite.

602010_591262270884776_77069758_n

In Moscow is open now my “Polyphonic Abstractions” exposition that fits really well the reality of a Moscow that never sleeps. The main theme of my work is the city, in all its architecture, people, emotions, colors. In Paris I can only imagine to show paintings and graphics created in the Paris light itself. I can’t organize an exhibition of monumental mosaics or challenging painting here yet, beacause the exhibition’s location in the city is very important to me, art should fit organically into the environment in which it’s located, whether it’s a private home, an exhibition area, or an urban area. Everything has to be perfect.

Now I’m travelling a lot in Italy, it’s an amazing country with an unique culture. I hope to start bringing my work here too. I’m always ready to new projects!”

Your job gives you the opportunity to work with many artists and meet famous people. Is there someone you want to remember or an important moment for you?

“As I said, I’m lucky. Fate makes me meet talented, original and interesting people. I keep the memories of all those meetings with great affection and gratitude. Once I had the honor to talk to Pierre Cardin in his restaurant after an exposition. He dedicated me his time and answered all my questions about his perception of modern art and his love for the Russian art and theater. Then, the dialogue evolved into a series of joint creative projects, in Paris and in Moscow. I’m really grateful for all the opportunities I had and those I’ll have. Right place right time, it’s my view”.

12914926_1204892259521771_1883234655_o

Is it difficult to organize exhibitions for others rather than yourself?

“Every exhibition is an event, a party, an important moment in which the people participates with interest. The artists who let me make their exhibitions have previously visited my ones and they know that I’ll work for them as good as I would for myself.
I have organized in Moscow a Festival called “The art of sculpture” for seven years, which has recently become international: participants come from Europe and the United States. Both famous artists and young artists take part in this Festival, all on the same level in a common artistic space. I organize many solo and group exhibitions by artists from different countries. I invest a lot in the show and I’m very demanding. I want visitors to always be able to see quality art. Every type of art, from classical to modern, from figurative to painting, must be presented on the highest professional levels”.

Some advices for aspiring artists-gallerists: three essential characteristics to be good in this job.

“Be critical with yourself,

respect your audience,

don’t stop once you’ve reached a goal”.

©Giulia Sangiorgi- All rights reserved

©Julia A.Smolenkova- All rights reserved

www.julia-smolenkova.com

info@julia-smolenkova.com

Annunci

Intervista a Julia A. Smolenkova

12899556_10209053743410137_2030666855_o

Artista e gallerista russa, Julia A.Smolenkova nasce nel 1986 in una famiglia di artisti. Laureata in Arte, gestisce tre studi a Mosca, Bruxelles e Parigi. Ha ricevuto premi dall’Accademia Russa delle Arti, vinto diversi Concorsi Internazionali e occupa oggi la cattedra di Professore Associato al Dipartimento di Scultura Monumentale e Decorativa all’Accademia di Arte e Industria di Mosca. Ha esposto opere personali e gestito mostre di vari artisti anche in altri paesi, tra cui Germania, Austria e Stati Uniti. Potete trovare una lista delle principali esposizioni di Julia degli ultimi anni al sito www.julia-smolenkova.com

Chi è Julia Smolenkova? Raccontaci qualcosa di te.

“Sono un’artista fortunata, e per questo regalo ringrazio il destino. L’arte dovrebbe portare positività e gioia al pubblico, suscitarne interesse e sentimenti felici. Nel mondo c’è così tanto orrore, paura e dolore, che l’arte dovrebbe, con tutti i mezzi a sua disposizione, essere fonte di ispirazione, emozionare. Ed è questo che cerco di fare con il mio lavoro”.

Mosca, Bruxelles e Parigi. Quanto è importante l’influenza di ogni città per la realizzazione del tuo lavoro?

“Io dipingo nei posti in cui mi sento bene e carico le mie opere solo di emozioni positive. Mi piace molto il mio studio di Mosca, ma anche gli altri due. Sono completamente diversi e anche i lavori che ne escono risultano differenti. Come se la città dipingesse con me.

1000548_617063188304684_250611993_n

Mosca è dinamicità, colori e materiali a contrasto, non si ferma e non dorme mai, è una tempesta di emozioni, movimenti, sia di giorno che di notte. Parigi è leggerezza, ariosità e luce. In nessun altro luogo c’è una luce così. Parigi ha una sua tonalità calda e dorata inimitabile. Dello studio di Bruxelles amo particolarmente la vista che si apre sulla Grand Place e le mie opere sono più serie rispetto a quelle che creo a Parigi. Probabilmente lo stile di vita in Belgio, molto più rilassato, mi permette di fermarmi a riflettere un po’ di più, lavorare sui quadri con più calma e tempo.

Ogni luogo in cui lavoro si riflette nella mia arte e questo mi piace molto. Infatti faccio fatica a vendere i miei quadri, perché è come se dovessi separarmi da una parte di me stessa, da una parte della mia anima. Sono contenta che le mie opere piacciano alle persone e che le usino per abbellire le proprie case, ma ogni dipinto è un frammento della mia storia. In un mio quadro, ad esempio lo spettatore potrà vedere un’immagine astratta, una natura morta, un costume teatrale, il ritratto di una ragazza, lo spiegarsi delle ali, le nuvole leggere, il gioco di luci e di ombre nei riflessi delle architetture. Quello stesso dipinto a me ricorderà il posto dove l’ho creato, le persone che avevo intorno, le sensazioni che ho provato in quel momento e tutto il mio vissuto in quella città.

Lo spettatore non potrà mai percepire la mia corsa della domenica sul lungofiume di Parigi in fiore alla ricerca di un negozio di belle arti per comprare i colori che mi mancavano in quel momento. Quella sera veniva inaugurata una mia mostra e la città quel giorno mi ha suggerito quali quadri mancassero. Li ho creati velocemente, con leggerezza, emozioni e spontaneità, proprio poco prima dell’apertura. Ecco, sono questi i miei quadri preferiti, perché racchiudono in sé un significato così profondo”.

L’arte è da sempre un punto saldo nella tua famiglia. Hai sempre voluto fare questo nella vita?

“Sì”.

Se dovessi scegliere un’opera o mostra in ogni città, quale preferiresti?

“Probabilmente sceglierei i lavori che non ho ancora creato in ogni città. (Risata)

Naturalmente, la maggior parte del mio tempo lo passo a Mosca, dove lo studio è attrezzato per la pittura, la scultura e i mosaici. La creazione di un mosaico è un processo lungo e per ora lo faccio solo in questo studio. Ma una grande mostra di mosaici la farò proprio a Bruxelles. Amo talmente la famosa pietra blu con cui è stata costruita l’intera città vecchia, che voglio portare i miei mosaici di pietra proprio in quella città. Secondo me sarà molto bello, ci saranno le opere che ho creato nel corso degli ultimi 8 anni, sarà un evento molto interessante e invito tutti a visitare questa mostra. Tutte le informazioni sono nel mio sitoWeb.

602010_591262270884776_77069758_n

A Mosca ora è in corso la mia mostra personale “Astrazioni polifoniche” che si inserisce in modo molto organico alla realtà di Mosca che, appunto, non dorme mai. Il tema principale dei miei lavori, anche quelli astratti, è la città in tutte le sue sfaccettature dell’architettura, delle persone, delle emozioni, dei colori.

A Parigi per ora riesco a immaginarmi di esporre solo opere di pittura e di grafica create nella luce di Parigi stessa. Per ora non mi sento a mio agio ad organizzare una mostra di mosaici monumentali o di pittura impegnativa qui. La location espositiva che la città offre è molto importante per me, l’arte dovrebbe inserirsi in modo organico nell’ambiente in cui si trova, che sia una casa privata, uno spazio espositivo, un’area urbana. Tutto deve essere pertinente.

Ora viaggio molto in Italia: è un paese incredibile con una cultura unica. Spero di iniziare a portare i miei lavori anche qui. Sono sempre aperta a nuovi progetti!

Il tuo lavoro ti permette di collaborare con molti artisti e di incontrare personaggi noti. C’è qualcuno che vuoi ricordare o qualche momento che sia stato molto significativo per te?

“Come ho già detto, sono fortunata. Il destino mi fa incontrare persone di talento, originali e interessanti. Mantengo i ricordi di tutti gli incontri con grande affetto e gratitudine. Una volta ho potuto dialogare con Pierre Cardin nel suo ristorante dopo una mostra. Mi ha dedicato il suo tempo e ha risposto a tutte le mie domande sulla sua percezione dell’arte moderna, sul suo amore per l’arte russa e per il teatro. Questo dialogo poi si è evoluto in una serie di progetti creativi comuni, sia a Parigi che a Mosca.

Sono veramente grata per tutti gli incontri che ho vissuto e quelli che vivrò. Penso che avvengano nel momento giusto e nel posto giusto”.

12899538_1204892556188408_1860293512_o

E’ difficile organizzare mostre per altri piuttosto che per sé?

“La mostra è un evento, una festa, un avvenimento a cui lo spettatore partecipa con interesse. Gli artisti che mi affidano le proprie mostre hanno visitato precedentemente le mie esposizioni e sanno che lavorerò per loro tanto bene quanto farei per me stessa.

Da sette anni organizzo a Mosca il festival “L’arte della scultura”, che qualche anno fa è diventato internazionale: sono arrivati partecipanti dall’Europa e dagli Stati Uniti. A questo festival prendono parte sia artisti affermati che quelli giovani, tutti a pari condizioni in uno spazio artistico comune. Organizzo mostre personali e collettive per artisti provenienti da paesi diversi. Investo molto nelle mostre e sono davvero esigente con i partecipanti. Voglio che il visitatore possa sempre vedere arte di qualità. Qualsiasi tipologia d’arte venga presentata, classica, moderna, astratta, figurativa, pittorica, scultorea, grafica, del mosaico, deve essere ai più alti livelli professionali”.

Qualche consiglio agli aspiranti artisti-galleristi: tre caratteristiche essenziali per fare bene questo mestiere.

“Essere esigenti con sé stessi,

rispettare il proprio pubblico,

non fermarsi agli obiettivi raggiunti”.

 

©Giulia Sangiorgi- All rights reserved

©Julia A.Smolenkova- All rights reserved

www.julia-smolenkova.com

info@julia-smolenkova.com

 

 

 

Allenare il cervello aiuta a prevenire malattie

Quanto è importante mantenere attivo il nostro cervello? Quali sono i modi migliori per farlo?

Brain_lobes.jpg.jpg

Spesso si tende a considerare il funzionamento del cervello e il cercare di mantenerlo allenato come un modo per migliorare la propria intelligenza, le proprie capacità cognitive e il funzionamento di mente e pensiero. Certo sono aspetti molto importanti, ma quello che viene tralasciato, o che molti ignorano,  è la possibilità di prevenire malattie o deficit sviluppabili durante la vecchiaia o prima, tramite appunto piccoli metodi da adottare per far vivere in modo sano il nostro sistema neuronale.

Sappiamo che la più diffusa malattia degenerativa che colpisce il cervello umano durante l’invecchiamento è l’Alzheimer. Ma anche il Parkinson si manifesta a seguito di un deficit neuronale. Come queste, parecchi altri problemi sono causati da patologie molto diffuse e, purtoppo, sono difficilmente curabili. Altri deficit si possono manifestare durante periodi precedenti, come dalla gioventù all’età adulta, dall’età adulta alla mezza età, fino alla vecchiaia. Come sappiamo possono essere causati da traumi, infezioni, ictus, cefalee, crisi epilettiche, demenze, ecc.

La ricerca neuroscientifica offre un impegno costante nello studio multidisciplinare delle patologie riguardanti il cervello e il sistema nervoso. Esistono però piccoli accorgimenti utili a prevenire o rallentare, non evitare, lo sviluppo di tali malattie.

Spesso appaiono online articoli riguardanti la tematica, così come molti enti, associazioni o esperti diffondono consigli ed informazioni in merito. La Società Italiana di Neurologia, ad esempio, ha più volte esposto quali possono essere gli accorgimenti utili al fine di prevenire determinate patologie del cervello.

Mantenere attive le proprie funzioni cerebrali è importante non solo per migliorare le proprie capacità di elaborare informazioni o gestire meglio i meccanismi di apprendimento e memoria, ma anche per  migliorare le proprie prestazioni nella vita di tutti i giorni.

Possiamo mantenere attivo il cervello in molti modi, tra quelli consigliati dagli esperti i principali sono i seguenti: dalla lettura allo studio, dalla scelta di cambiare punti di vista, hobby, idee o stili di vita all’aumento delle interazioni con gli altri. In particolare questo ultimo aspetto ci permette di attivare più parti del nostro cervello, entrando a contatto con stimoli nuovi e differenti dai precedenti.

Quindi uno stile di vita sano, una corretta alimentazione, una buona attività di socializzazione, una costante attività sportiva o comunque una giusta dose di movimento giornaliero posso aiutare il corretto funzionamento dei nostri processi cognitivi e favorire il mantenimento di un cervello sano nel corso degli anni.

Ecco dove trovare maggiori informazioni sulle malattie che colpiscono il cervello umano, su come vengono classificate e quali sono le relative diagnosi:

https://it.wikipedia.org/wiki/Neurologia

http://scienzagiovane.unibo.it/malattie-cervello.html

http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_4.jsp?area=Malattie_del_sistema_nervoso

Image: Wikimedia Commons

©Copyright Giulia Sangiorgi

Jepchumba e le tecnologie digitali in Africa

Jepchumba, artista digitale keniana, è la fondatrice di Africandigitalart, uno spazio virtuale di promozione e sostegno delle attività digitali anche in paesi tecnologicamente più arretrati in Africa. untitled

Ho potuto incontrarla lavorando nella sala stampa al Festival di Internazionale 2015 a Ferrara, dove Jepchumba è stata tra gli ospiti del dibattito “Cambiare il mondo con un’App”.

Ecco dove leggere qualcosa in più su di lei:

http://www.jepchumba.com/

http://africandigitalart.com/

https://twitter.com/digitalafrican
Jeff Manning
Jeff Manning-https://www.jeffmanningart.com/

 

L’importanza delle tecnologie digitali in Africa

Trai progetti importanti di Jepchumba, che da anni promuove innumerevoli attività digitali in Africa, vi è la creazione di un’applicazione particolare, Avirohealt, tramite la quale viene fornito un aiuto a medici e infermieri nel trattare pazienti affetti da Hiv.

Come ha spiegato all’incontro sopracitato, alla base di questo progetto vi sono varie motivazioni, prima tra tutte il cercare di capire le persone da un punto di vista emotivo e creare tecnologie che siano adatte ad ognuna di loro.

Jepchumba ha cercato di inserire strumenti tecnologici nella vita di tutti i giorni in alcune delle aree digitalmente più arretrate dell’Africa. L’apertura di negozi di prodotti digitali e di laboratori ha permesso di far interagire molte più persone con questi strumenti. Il nuovo linguaggio digitale adottato da operatori sanitari, medici ed infermieri ha permesso di gestire in modo nuovo ed alternativo il rapporto con i pazienti.

La cosa importante”, ha detto, “è far comprendere agli utenti che anche loro possono essere utili e possono contribuire aiutando chi ha poca famigliarità con questi nuovi strumenti”. Ogni attività di interazione tecnologica cambia anche il modo ti interagire culturalmente e socialmente tra le persone. Secondo lei questi nuovi mezzi di espressione, anche al di fuori del campo medico, possono dare voce alle persone migliorandone il livello di cultura globale. Condividendo di più si può apprendere di più.

Vincere le difficoltà con l’attività collettiva

“Non si può portare una tecnologia in un territorio che non abbia una certa consapevolezza dell’uso e delle possibilità che queste innovazioni offrono, le quali devono essere relazionate alle problematiche del paese in questione.”

Non è un processo semplice quindi, come ha spiegato l’artista, cercare di trasmettere l’importanza di nuovi strumenti in paesi piuttosto arretrati.

Inoltre, imbattersi in nuovi strumenti senza conoscerne ogni possibile utilizzo può portare conseguenze non sempre positive. Avere dimestichezza con la rete e capacità di utilizzo dei nuovi media digitali permette di reagire meglio nel momento in cui si dovessero riscontrare difficoltà. Le nuove tecnologie digitali vanno usate, bisogna fare pratica per ottenerne i maggiori vantaggi.

Servono molti volontari, persone che si dedicano a fornire insegnamenti, supporto e motivazioni al popolo. Le persone tecnologicamente ignoranti vanno alfabetizzate e sostenute durante il loro processo di digitalizzazione.

Più attività collettiva per ottenere maggiori risultati e positivi. Questo è il messaggio alla base di ogni attività di Jepchumba.

“Non sono le applicazioni a poter salvare il mondo, ma le persone che ci sono dietro, le loro motivazioni, il loro lavoro e i sacrifici nel finanziare questi progetti”.

12108235_10207839497094738_3997477233746947854_n.jpg

Puoi scaricare il mio comunicato stampa sull’incontro per Internazionale al link: http://www.internazionale.it/festival/sala-stampa/cartella-stampa-2015

© Copyright Giulia Sangiorgi- Tutti i diritti riservati

 Image: Graphic Artist Jeff Manning

https://www.jeffmanningart.com/

https://twitter.com/digitalafrican

Allevamento selettivo e maltrattamento genetico nei cani

I risultati di un recente studio mostrano le conseguenze deleterie sui genomi di cani di razza, lupi, e cani randagi dovute probabilmente a fenomeni come l’addomesticazione e la selezione artificiale

Siberian_Husky_heterchromia_edit

Come noto, i cani hanno un legame unico con il genere umano, tanto intenso da provocare una reazione ormonale in entrambe le parti. I benefici reciproci del rapporto cane-uomo sono stati e sono tuttora molteplici, tuttavia un recente studio ha mostrato la possibilità di alcuni effetti genetici deleteri in questi animali a seguito della loro addomesticazione.

I risultati del recente studio, condotto da un gruppo di ricercatori dell’University of California, sono stati pubblicati da PNAS e mostrano come, dall’addomesticazione dei lupi fino alle diversificazioni di razza, il numero di mutazioni genetiche in questi animali appaia notevolmente aumentato.

Le analisi sono state condotte su 90 sequenze genomiche, precisamente di 46 cani di razza, 25 randagi e 19 lupi grigi. Ogni gruppo è stato esaminato singolarmente per meglio determinare le variazioni avvenute nelle diverse fasi dell’addomesticamento del cane. Le stime ottenute hanno portato i ricercatori a stabilire che i cani esaminati possiedono circa 115 varianti genetiche deleterie in più rispetto ai lupi, ovvero un carico genetico superiore per un 2,6%.

Uno dei problemi che emerge da questi risultati è il danno genetico dovuto alla selezione di alcune razze di cani, “fabbricati” per scopi puramente commerciali, secondo assurdi criteri estetici. L’avere un cane di razza è diventata una sorta di moda, quasi come si acquistasse un paio di scarpe.

L’allevamento selettivo dovrebbe avvenire considerando ogni possibile conseguenza genetica, sottoponendo gli animali prima dell’accoppiamento ai dovuti controlli sanitari e medici. Invece, il numero di allevatori che “producono” cuccioli senza rivolgersi a chi di competenza, purtroppo, aumenta progressivamente. 

Ho voluto saperne di più, parlare con professori di medicina veterinaria in grado di spiegarmi quali siano i reali problemi dovuti a questo sconvolgimento genetico. Da gravi alterazioni comportamentali si passa a patologie di invalidità, handicap fisici e disturbi mentali trasmissibili da una generazione all’altra. Si tratta di una vera e propria forma di maltrattamento genetico, non meno grave di quello fisico o dell’abbandono.
Alcuni cani possono presentare sintomi dalla nascita, altri svilupparli nel tempo. Inevitabilmente aumentano i costi per il padrone, come le probabilità di una morte precoce per l’animale.

Questi cambiamenti genetici, secondo le ipotesi dei ricercatori, avranno probabili conseguenze nelle attività di allevamento selettivo e nella conservazione di alcune specie minacciate, rare o particolari.

 

Bottlenecks and selective sweeps during domestication have increased deleterious genetic variation in dogs. Clare D. Marsden, Diego Ortega-Del Vecchyo, Dennis P. O’Brien, Jeremy F. Taylor, Oscar Ramirez, Carles Vilà, Tomas Marques-Bonet, Robert D. Schnabel, Robert K. Wayne and Kirk E. Lohmueller. Pnas. Publiched online: 22 December 2015.

Image: Wikimedia Commons

Giulia Sangiorgi- Tutti i diritti riservati

Parlare di “razze umane” in medicina: giusto o sbagliato?

Le diversità biologiche permettono di suddividere le popolazioni in gruppi, è sensato parlare di razze con diverse caratteristiche fisiche e genetiche?

o-RACISM-HANDS-facebook-535x330

Il 5 Febbraio 2016, Sience pubblica l’opinione di alcuni ricercatori americani in merito all’uso ricorrente e, forse, troppo esteso dell’idea di razza associata all’uomo.

(http://science.sciencemag.org/content/351/6273/564)

Sono Michael Yudell, Dorothy Roberts, Rob DeSalle e Sarah Tishkoff gli esperti che sostengono sia eccessivo spingere le persone a doversi identificare in una razza precisa, quando basterebbe parlare di differenti combinazioni genetiche.

Da un punto di vista scientifico e medico il termine razza è associabile all’uomo poiché identifica un gruppo di persone con comuni caratteristiche fisiche o genetiche, quindi diverse da altri. A tal proposito, molti medici vengono spesso criticati e accusati: parlare di razza induce inevitabilmente a pensare ad una forma di discriminazione.

Quello che tale espressione evoca e riporta alla memoria è estremamente negativo, oltre che offensivo per chi si sente in qualche modo coinvolto. Smettere di associare il termine razza all’uomo potrebbe essere il primo passo per sensibilizzare i cittadini e invitarli a mettere da parte certi stereotipi e pregiudizi. Il mondo intero, purtroppo, è invaso ogni giorno da eventi discriminatori violenti.

Allora perché i medici ne parlano?

In medicina, il termine è associato a gruppi diversi di fenotipi umani.

Aprendo un qualsiasi vocabolario della lingua italiana è possibile comprendere meglio cosa sia effettivamente un fenotipo. Si tratta della manifestazione fisica di un organismo, determinata dai geni ambientali. E’ il complesso delle caratteristiche genetiche in relazione all’ambiente, l’espressione di un gene che si manifesta con particolari caratteri distintivi. Molti medici hanno spiegato come una determinata cura, ad esempio, possa provocare diverse reazioni in un individuo bianco rispetto ad uno di colore. Le stesse differenze possono essere riscontrare nelle conseguenze dovute all’uso di farmaci particolari, poiché le diverse combinazioni genetiche dei corpi permettono assimilazioni differenti.

Nello stesso vocabolario della lingua italiana è possibile trovare più definizioni del termine “razza”, tutte accomunate dal sottolineare una “diversità” tra specie, animali, piante, ecc.

Ma che cos’è qualcosa di diverso? Diverso è sinonimo di alieno, avverso, estraneo, qualcosa di un’altra appartenenza. Quindi, da un punto di vista lessicale, che sia in campo medico, sociale, economico o politico, il sottolineare una differenza equivale ad escludere o includere qualcuno da un gruppo preciso. Sottolineare una differenza tra una persona e un’altra significa fare comunque un paragone.

Inevitabilmente, è lecito chiedersi se sia necessario paragonare una persona di colore e una bianca per motivare l’utilizzo del termine razza in medicina. Forse no.

Fino a prova contraria, due persone bianche, in quanto organismi differenti, possiedono diverse caratteristiche genetiche e fisiche che permettono il manifestarsi di diverse reazioni a terapie e farmaci nella medesima misura del caso precedente.

Per cui, se si tratta di caratteristiche differenti, chiamiamole così. Se si tratta di fenotipi umani, chiamiamoli fenotipi umani.

Non chiamiamole razze.

 

©Copyright Giulia Sangiorgi- Tutti i diritti riservati

©Image: artventuno.it

Steve McCurry: quando non servono parole

La straordinaria potenza di esprimere emozioni, tramandare storie, raccontare luoghi e attimi di vita.

12506899_10208414034297809_820283818_n.jpg

Quando si parla di fotografia si pensa ad un’immagine associata ad un preciso significato, ad un’idea riprodotta, ad un momento catturato per caso o, talvolta, intenzionalmente.

Assai differente, estraneo a questa comune concezione, è il carico di emozioni strabilianti che una visita ad una mostra di Steve McCurry ti scaglia contro. Si, la sensazione è proprio quella: pare di essere investiti, in qualche modo, da qualcosa di talmente forte da non potervi sfuggire. 

L’arte del coinvolgimento non è cosa semplice, per lo meno, non da tutti. E Steve ha la capacità di trasportare le persone in giro per il mondo e, in ogni scatto, raccontare la storia di qualcuno.

I Musei San Domenico di Forlì hanno ospitato, dal 26 Settembre 2015 al 10 Gennaio 2016, una rassegna di oltre 180 fotografie, presentandole con il titolo “Icons and Women”. http://www.mostrastevemccurry.it/

La rappresentazione femminile resta una delle migliori scelte di McCurry, attraverso la quale riesce a portare diverse etnie, culture e tradizioni nella mente dell’osservatore.

12511663_10208414038217907_1692729885_n
Sanaa, Yemen, 1997
12483546_10208414032937775_2072354656_n
Rajasthan, India, 1983: donne che si riparano tra loro dal forte vento, stagione dei monsoni.

 

Altrettanto di impatto sono le fotografie di guerra, emotivamente disarmanti, proposte in questa mostra. Sono strumenti in grado di trasmettere la crudeltà, la violenza e le atrocità su cui spesso ci dimentichiamo di riflettere.

 

12498609_10208414035857848_226611381_n
Al Ahmadi, Kuwait, 1991, Guerra del Golfo: fotografia scattata in pieno giorno, in mezzo a fuoco e fumo, nei campi infestati di mine.
12528168_10208414037697894_1239172251_n
New York, 11 Settembre 2001

Osservando alcune espressioni, inquadrature e luoghi, fotografati dal reporter durante i suoi viaggi di lavoro, è possibile percepire la tensione dello stesso McCurry e delle persone coinvolte nei tragici eventi. Le foto che seguono sono solo alcune di molte, quelle che ho preferito e che penso restino impresse nella mente di chiunque si fermi ad osservarle.

12527653_10208414037297884_453826037_n.jpg
Rajasthan, India, 2010, nomade Rabhari con la barba tinta di henné

 

12498772_10208414035977851_1369232684_n.jpg
TrHajjah, Yemen, 1999, bambino dopo la lunga celebrazione di un matrimonio

 

12498764_10208414036977876_665886210_n
Mumbai, India, 1993, madre e bambino in cerca di una moneta

Inoltre, pezzo forte dell’esposizione, il tanto atteso secondo ritratto di Sharbat Gula, la bambina afgana fotografata da McCurry nel 1984. McCurry è infatti riuscito a ritrovarla in Pakistan, riproponendo lo scatto dopo 17 anni. La donna è ora sposata e ha tre figlie, ma il suo viso resta uno tra i più conosciuti e discussi al mondo, così come il suo sguardo particolarissimo.

12506786_10208414030937725_969371575_n12516153_10208414030257708_1253395142_n

http://stevemccrry.com/

http://www.sudest57.com/photographers/steve-mccurry-2/icons/

©Giulia Sangiorgi- All rights reserved