Un’idea per salvare i giornali – Festival di Internazionale a Ferrara 2016

L’economista francese Julia Cagè è stata intervistata da Luca Sofri, giornalista italiano fondatore del sito di informazione “Il Post”, al Festival di Internazionale a Ferrara, venerdì 30 Settembre 2016.

Come ogni anno le proposte di dibattito e gli spunti di riflessioni offerti dal Festival sono parecchi, e l’informazione come bene pubblico da preservare e alimentare è una tematica su cui c’è sempre qualcosa da dire.

14502058_10210641873872406_1637925538_n

Julia Cagè insegna all’Università Sience Po di Parigi, e si occupa di politica, storia economica e organizzazione industriale. Al Festival ci ha parlato del suo libro “Salvare i media. Capitalismo, crowdfunding e democrazia”, uscito in Francia lo scorso anno e tradotto da Bompiani nella versione italiana.

Il testo si compone di una parte di analisi e una proposta. Julia analizza lo stato attuale dell’informazione, le ragioni della crisi e i problemi economici che ne conseguono. Poi propone il modello crowdfunding per cercare di mantenere attivi i media e la divulgazione. “L’informazione, in quanto bene pubblico”, ha spiegato la Cagè, “è necessaria ai cittadini e alla democrazia. Gli uomini devono essere informati per saper vivere bene, per poter votare, formarsi un’opinione e relazionarsi con il mondo. E’ un bene comune prezioso”.

Come ricorda Julia Cagè, la crisi di giornali e stampa ha avuto origine molto prima dell’avvento di Internet, già dalla nascita delle prime radio negli Stati Uniti negli anni sessanta. Dal 1979, le televisioni hanno iniziato a fare pubblicità, un tasso di concorrenza piuttosto alto per la stampa cartacea. Contrariamente a quanto spesso si afferma infatti, Internet e la crisi economica del 2000 hanno solamente alimentato questo fenomeno di lungo corso, iniziato molto prima del mondo 2.0.. Oggi ci troviamo di fronte ad una crisi dei media, certo, ma anche dell’intero sistema di informazione, dovuta ad una scarsità di investimenti e di conseguenza meno pubblicità, che resta l’unico mezzo principale per alimentare i media tradizionali. “I giornali devono imparare a vivere senza pubblicità, allora possono resistere a tutto, e il modello proposto nel mio libro è volto ad un finanziamento diretto del cartaceo per preservare un bene comune essenziale alla sopravvivenza della comunità”.

Vediamo di capire meglio di cosa si tratta, e come quest’idea può salvare i media tradizionali, a sostegno di un’informazione di qualità.download

Cos’è il modello crowdfunding?

Si tratta di finanziamenti pubblici. Un sistema diretto di finanziamento da parte dei cittadini, in cambio di detrazioni fiscali. Quello che Julia Cagè propone è un modello secondo lei utilissimo e molto sottovalutato, che supporterebbe i media nella diffusione dei contenuti e sosterrebbe l’importanza dell’informarsi per i cittadini stessi.

La vera missione è salvare i contenuti dei giornali

Nel corso l’intervista, il giornalista Sofri ha posto l’accento sull’aspetto più importante del fare divulgazione, il contenuto. Non è tanto importante preservare il media quanto la qualità dell’informazione che viene diffusa. Viviamo oramai sempre connessi, online possiamo trovare una quantità vastissima di notizie, per questo è fondamentale cercare di ridurre il numero di quelle false. La falsa informazione non aiuta la democrazia, e riduce notevolmente le possibilità di seri confronti nei cittadini.

L’informazione falsa dovrebbe essere eliminata dai maggiori controlli nelle singole redazioni”, ha affermato Julia Cagè, “analizzando punto per punto la qualità delle notizie, le fonti di provenienza”. Il problema, secondo l’economista francese, è la scarsità di personale: ci sono sempre meno giornalisti nelle redazioni, i quali non possono dedicarsi anche a mansioni di controllo. Ci vorrebbero investimenti in nuove risorse, impegnate a ricoprire un ruolo di revisione dei contenuti da proporre ai cittadini.

14508464_10210641873672401_310721852_n

Informazione di qualità

Sofri ha raccontato ai presenti in Sala Estense a Ferrara la sua esperienza diretta nella fondazione del sito di informazione “Il Post”. Quando si vuole emergere in un mondo ricco di informazioni di diversa natura, di facile consultazione e, sopratutto, alla portata di chiunque, è necessario fornire un servizio di qualità.  Per cui non è possibile partire con aspettative oltre la media, fame di guadagno e ossessione per il successo. Si deve iniziare da un buon progetto, investire il più possibile in qualcosa che abbia continuità, agire verso un obiettivo preciso e cercare di soddisfare chi legge.

Per cui, per salvare i giornali sarebbero necessari certamente maggiori investimenti, ma non solo. Servono progetti a lunga scadenza, serve maggiore pubblicità ma anche molta costanza. Costanza nell’analisi dei contenuti, nella promozione di una divulgazione seria e fondata su notizie attendibili, sicure e di buona qualità. Distinguersi dagli altri per la propria serietà, acquisire credibilità e non smettere mai di concentrare le proprie risorse in questi elementi.

© Giulia Sangiorgi- All rights reserved

https://twitter.com/CageJulia                  http://www.internazionale.it/festival/protagonisti/julia-cage

http://www.wittgenstein.it/

14348916_10210649145534193_1657242581_n

Annunci